Portegrandi

Sorge al centro di una vasta area rurale, resa coltivabile dalle bonifiche del XIX e del XX Secolo. Territorio prospiciente alla Laguna Veneta settentrionale, Portegrandi rappresenta ancor oggi una tappa fondamentale per il traffico navale turistico da e verso la Laguna di Venezia. Si distingue in due borgate, divise dal corso del suo fiume: Ca’ Corner (conosciuta ai più come “chiesa”), sulla riva destra, e Carafia, sulla riva sinistra. La Portegrandi vera e propria sarebbe in verità un gruppo di case sulla foce del Silone, chiamata in passato Conca o Vaso di Portegrandi. La Conca di Portegrandi è la zona più suggestiva. Il nuovo ed attrezzato bacino del Porto Turistico di Portegrandi, che dista circa un chilometro, offre approdo e rimessa per natanti di ogni genere, direttamente sulle acque lagunari. La Chiesa Parrocchiale di San Magno vescovo è stata innalzata il 1926. L’esterno è assai semplice, con la facciata in marmo bianco. All’interno si trovano diverse opere provenienti da Trepalade; l’altare è costituito dai marmi dell’antica abbazia di Monastier di Treviso; una tela rappresentante la Sacra Famiglia è attribuita alla scuola del Padovanino; sulla destra, vi è un altare in pietra del XVIII Secolo. Il campanile è del secondo dopoguerra e ha una forma particolare, non con la tipica punta, ma a tronco con una balaustra a perimetro della cima.

Portegrandi-01IMG_0048

Eventi e promozioni su FacebookFacebook